Dopo aver visto la struttura fondamentale dei file HTML, passiamo adesso a studiare i principali tag che possiamo inserire nel <body> della nostra prima pagina html.
Come abbiamo già detto, il nostro file HTML è un testo che contiene dei testi e delle immagini e, assieme a questi, contiene anche tutte le istruzioni che spiegano al nostro browser il modo in cui devono essere visualizzati.
Dal punto di vista della loro struttura, tutte le pagine html che apri e consulti su internet, dalle più semplici alle più complesse, non sono altro che un insieme di rettangoli di diversa grandezza, disposte orizzontalmente o verticalmente: dentro ognuna di queste scatole si trovano tutti i contenuti della pagina, come i titoli, i testi, le immagini, i video e così via.
Abbiamo già visto che le tre parti fondamentali del file html sono il tag <html>, il tag <head> e il tag <body>: all’interno del tag body si trovano molti altri tag, che si chiamano in modo diverso, e che sono questi rettangoli che strutturano la pagina.

Per toccare con mano questo concetto, prova a svolgere questo esercizio:
1) Osserva con attenzione la semplice pagina internet che segue;
2) Su un foglio a parte, prova a disegnare i contorni dei rettangoli che la compongono;
3) conta da quanti rettangoli è formata, compreso il contenitore più grande, contornato da un bordo blu.

Le pianure italiane

  • Pianure alluvionali
  • Pianure vulcaniche
  • Pianure di sollevamento
  • Pianure di erosione

La pianura è una regione morfologica caratterizzata da un terreno pianeggiante, orizzontale e privo di inclinazioni rilevanti.
Possiamo distinguere le pianure in base alla loro origine o formazione, che può essere di diversi tipi.

Innanzitutto ci sono le pianure alluvionali, formate dall'azione dei fiumi, che, scendendo dalle montagne, nel corso dei millenni hanno trasportato a valle grandi quantità di detriti (ciottoli, terra, ghiaia e sabbia). In Italia le pianure alluvionali più note e più estese sono quella Padana e quella Padano-Veneta.

In secondo luogo, troviamo le pianure vulcaniche, formatesi grazie all'eruzione dei vulcani: la lava eruttata dai vulcani, scendendo verso il basso, si accumula in conche e depressioni del terreno circostante. In Italia le pianure vulcaniche più importanti si trovano in Campania, come la Piana del Volturno, nei pressi del Vesuvio.

In terzo luogo, troviamo le pianure di sollevamento, che sono originate dal sollevamento di un fondale marino; in Italia è presente una pianura di sollevamento, il Tavoliere delle Puglie, nata dall’innalzamento del fondale del Mare Adriatico.

Infine ci sono le pianure da erosione, ovvero ciò che resta di antichissime montagne che sono state completamente erose e spianate dagli agenti atmosferici nel corso di milioni di anni.



Hai svolto l'esercizio? Hai contato quanti contenitori sono presenti in questa semplice pagina internet? Se sei sicuro verifica la correttezza della tua risposta cliccando qui.

Le pianure italiane

  • Pianure alluvionali
  • Pianure vulcaniche
  • Pianure di sollevamento
  • Pianure di erosione

La pianura è una regione morfologica caratterizzata da un terreno pianeggiante, orizzontale e privo di inclinazioni rilevanti.
Possiamo distinguere le pianure in base alla loro origine o formazione, che può essere di diversi tipi.

Innanzitutto ci sono le pianure alluvionali, formate dall'azione dei fiumi, che, scendendo dalle montagne, nel corso dei millenni hanno trasportato a valle grandi quantità di detriti (ciottoli, terra, ghiaia e sabbia). In Italia le pianure alluvionali più note e più estese sono quella Padana e quella Padano-Veneta.

In secondo luogo, troviamo le pianure vulcaniche, formatesi grazie all'eruzione dei vulcani: la lava eruttata dai vulcani, scendendo verso il basso, si accumula in conche e depressioni del terreno circostante. In Italia le pianure vulcaniche più importanti si trovano in Campania, come la Piana del Volturno, nei pressi del Vesuvio.

In terzo luogo, troviamo le pianure di sollevamento, che sono originate dal sollevamento di un fondale marino; in Italia è presente una pianura di sollevamento, il Tavoliere delle Puglie, nata dall’innalzamento del fondale del Mare Adriatico.

Infine ci sono le pianure da erosione, ovvero ciò che resta di antichissime montagne che sono state completamente erose e spianate dagli agenti atmosferici nel corso di milioni di anni.